domenica 23 novembre 2014

L'ora del codice

Ultimamente si fa un gran parlare dell'introduzione del coding ossia le abilità di programmazione informatica nella scuola a partire dalla primaria. Si pensa perfino di quantificare tale attività in un'ora alla settimana. 
Siccome come al solito non riguarda la scuola dell'infanzia me ne ero abbastanza disinteressata. Tra l'altro dove lavoro lo strumento più tecnologico in dotazione è lo stereo con la porta USB (appena regalato dai genitori) quindi con tutta la buona volontà siamo proprio su un altro pianeta.
Non che l'istituto non sia dotato di Lim, laboratorio d'informatica supermegainnovativo (tanto che può accedervi solo il personale che ha seguito un opportuno corso di formazione), connessione internet e via discorrendo. E' solo che a questo mondo delle meraviglie non hanno accesso nè i bambini nè le insegnanti dell'infanzia (non mi è ben chiaro il motivo ma non mi dilungo sulla polemica).
Avevo quindi tranquillamente sorvolato sull'argomento fino a quando scorrendo il sito del Ministero mi sono imbattuta in un banner che non avevo mai visto: Miur Cini dice la scritta colorata. Clicco sopra e... finalmente anch'io accedo al fantastico mondo del coding.
Si tratta di un percorso didattico rivolto ai docenti che lo possono usare in classe ma anche ai genitori che lo vogliono proporre ai propri figli e perfino ad altri utenti che desiderano esercitarsi a scopi personali.
Tutte le risorse sono gratuite e facilmente accessibili: se ci si registra si possono anche salvare i propri progressi.
Ci sono una serie di attività interattive che vi guidano piano piano nel mondo della programmazione cominciano da un labirinto in cui bisogna costruire i comandi corretti in modo che un Angry Bird riesca a mangiarsi un maialino verde. Le difficoltà aumentano man mano perché si aggiungono gradualmente nuovi comandi.
Per ora ho appena iniziato il viaggio alla scoperta del coding ma mi è piaciuto e penso che continuerò e proverò a proporlo a mia figlia.
Adoro queste iniziative di formazione gratuite e accessibili a tutti: io sono dell'idea che dovrebbero diventare prassi.
Vi terrò aggiornata sui miei progressi (almeno spero che ce ne siano).

2 commenti:

  1. Ciao, io non mi intendo di questi aspetti ma devo dire che mio figlio di 8 anni ha insistito molto per essere iscritto a un breve corso di Robotica Educativa, che contiene alla base elementi di coding, e ne é veramente entusiasta.
    Vorrà dire che mi insegnerà qualcosa! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra molto interessante anche a me, devo approfondire. Grazie per il commento.

      Elimina