venerdì 13 febbraio 2015

La casa sull'albero

Venerdì scorso leggevo la recensione di Margherita ad un libro della Pitzorno. La trovate qui




Così mi è venuta voglia di rileggerla. Quando lavoravo alla primaria mi capitava spesso di proporre brani tratti dai suoi libri.
Il suo modo di scrivere è molto semplice e lineare e non sempre mi soddisfa ma trovo che abbia come punto di forza la fantasia con cui crea le sue storie.

Quello di cui scrivo oggi è un racconto che più surreale proprio non si può. 
Una bambina e una ragazza vanno a vivere su una quercia. Si capisce da subito che la storia e fantastica ma chi da piccolo non ha sognato almeno una volta di costruirsi una casa sull'albero? 

Man mano però compare un vicino supercattivo, un cane che comincia a fare le uova e a cui crescono le piume, quattro neonati lasciati dalle cicogne, una gatta che parla in versi, una torpedine che sostituisce l'impianto elettrico, una pianta carnivora... Di stranezze in stranezze prosegue la lettura fino a quando l'albero rischia di essere tagliato. Saranno capaci tutti questi buffi personaggi di unirsi per sconfiggere i nemici?

Come vi ho anticipato, la scrittura è piuttosto semplice e il racconto è basato principalmente sui numerosi eventi sempre più bizzarri ed inaspettati. Dal mio punto di vista, ciò lo rende adatto a quei bambini che non amano perdersi troppo in descrizioni e particolari ma badano al sodo e amano divertirsi leggendo.

Questo post partecipa all'iniziativa I venerdì del libro di Homemademamma.

5 commenti:

  1. molto carino! chissà che la Salvatrice di Alberi negli Stati Uniti, non so se ricordi, si sia ispirata a questa lettura;-)
    sono alla ricerca di libri un po' particolari e questo mi piace e non ho mai letto, sigh, nulla dell'autrice: è giunto il momento!

    RispondiElimina
  2. Senza dubbio è un libro particolare: praticamente succedono solo cose assurde e surreali: la normalità è completamente bandita.

    RispondiElimina
  3. Non lo conoscevo, mi ispira assai.

    RispondiElimina
  4. Interessante segnalazione per un viaggio in una storia stimolante e capace di far volare sulle ali della fantasia grandi e piccini, perchè no?

    RispondiElimina
  5. Un'autrice di cui ho sentito (e sento) tanto parlare ma che ancora non ho (e non abbiamo) letto.

    RispondiElimina