domenica 22 marzo 2015

#cita-un-libro6

La scorsa settimana ci siamo confrontati sul tema dell'etica e della morale e già sembrava un'impresa ardua ma questa settimana le cose si fanno ancora più difficili, il nuovo giudice ha infatti scelto come tema le storie. 

L'argomento è davvero ampio, molto ampio e, come sempre quando ci si può far star dentro un po' di tutto, la scelta non è facile. Così ho seguito la via più istintiva: ho scelto il primo libro a cui ho pensato leggendo il post.

In questo caso si tratta di un romanzo di Sepulveda, "Il vecchio che leggeva romanzi d'amore".

Mi piace la figura di quest'uomo che dalla foresta amazzonica, dove vive da solo e senza neanche saper scrivere, legge e rilegge, non senza fatica, romanzi d'amore.
Romanzi che nelle parole del frate che accende in lui il desiderio di leggere "raccontano la storia di due persone che s'incontrano, si amano e lottano per vincere le difficoltà che impediscono loro di essere felici". 
Sarà forse questo vincere le difficoltà che attrae Antonio Bolivar, lui che ha perso la moglie, la possibilità di avere dei figli e anche il diritto di vivere in mezzo ai suoi simili?

Questo libro racconta anche un'altra difficile storia d'amore: quella tra l'uomo e la foresta, simbolo forse di tutti gli ambienti naturali del mondo e della nostra Terra in generale.

Ed ecco quindi la mia citazione:



Ricordate di visitare il sito dell'iniziativa #ioleggoperchè da cui tutto ha avuto inizio.

5 commenti:

  1. sto leggendo :l'Albergo delle donne tristi" . Appena terminato cerco questo che consigli ,mi piace:)) Bello il sito,aderisco anch'io:) buona Domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoletta, grazie di essere passata e aver lasciato un commento.

      Elimina
  2. La questione del tema che non è un tema per noi insegnanti è abbastanza lampante, con storie; e come dicevo anche io da me ci potremmo davvero mettere (quasi) tutto. Mi piace questa idea della comprensione delle storie (la lettura) come conquista, anche se Sepulveda, lo ammetto, non è proprio il mio autore. Grazie anche per questa settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Sepulveda alcuni libri mi piacciono molto, altri per niente. Ora passo a leggere il tuo post.

      Elimina
  3. Le storie a volte vanno guadagnate, un pezzo per volta, con tanta pazienza e determinazione. Chi lavora sui manoscritti ne sa qualcosa...

    RispondiElimina